Località termali attiveToscana

San Giuliano Terme (PI) – Bagni di Pisa

San Giuliano Terme è incastonato in una verdeggiante collina che riesce a stupire il visitatore offrendo una vista mozzafiato e senza paragoni. A metà strada tra Pisa e Lucca, protetta dai Monti Pisani, si estende tra i fiumi Arno e Serchio, ed è sede di un importantissimo stabilimento termale e di una delle poche acque che sgorgano oligominerali dalla sorgente.
Pur riscontrando testimonianze della presenza umana in epoche remote (neolitico e eneolitico), è solo con la colonizzazione romana che il paese cresce, anche grazie alla presenza delle “Acque Pisanae”, celebrate anche da Plinio il Vecchio, e come testimoniata dai resti dell’antico acquedotto romano di Caldaccoli sito nell’omonima località e dalla Conserva di Corliano con le sue piscine limarie e la sua fistula acquaria in terracotta ancora oggi funzionante, costruita probabilmente da Lucius Venuleius Montanus, Patrono della Colonia Pisana, console di Attidium (città romana nei pressi di Fabriano), che nel 92 d.C. costruì l’acquedotto di Caldaccoli e le Terme di Pisa.
Durante il Medioevo, la contessa Matilde di Canossa promosse il primo restauro delle strutture termali (1112) e successivamente, per la sua posizione strategica tra Pisa e Lucca, fu fortificata dai pisani stessi (inizio XIV secolo). Tra i XII ed il XV secolo le terme subirono migliorie e distruzioni, ultima quella provocata dai fiorentini nel 1406. Alla fine del XV secolo, sotto il dominio dei Medici, ci fu uno sviluppo delle terme, la costruzione di abitazioni e di un ospedale e furono emanate le norme per l’accesso ai Bagni.
Dopo il 1737, anno in cui finì il dominio mediceo e si affermò quello del Granducato di Lorena, le terme ebbero un ulteriore importante sviluppo, grazie alle scelte del Granduca Francesco Stefano di Lorena che, oltre a definire un nuovo assetto urbanistico della città, intervenne per la canalizzazione delle acque e la loro classificazione delle proprietà terapeutiche. Le terme divennero quindi note alla nobiltà di tutta Europa a partire dal 1743, quando lo stesso Francesco Stefano ne fece la propria residenza termale estiva. Il tutto fu completo nel 1749 dove, insieme agli edifici che compongono attualmente le terme, fu eretta la chiesa dedicata ai Santi Ranieri e Luigi Gonzaga.
Con il completo rinnovamento delle terme, molti personaggi di spicco dell’epoca ne fecero uso e tutta questa notorietà fece proliferare molte ville di famiglie benestanti che decisero di costruire le proprie dimore sulle pendici dei Monti Pisani, ville presenti tuttora in tutto il territorio del comune. Tra le ville realizzate in zona, tra il XV ed il XIX secolo, dall’aristocrazia pisana e fiorentina, sono da citare Villa Roncioni a Pugnano, Villa di Corliano (oggi Hotel), Villa del Borgo, Villa del Lupo, Villa Medicea, Villa Berni Studiati e Villa Bisio, in località Caldaccoli, accanto alla quale si trovano i resti dell’acquedotto romano.

A San Giuliano Terme e nelle frazioni vicine, si trovano molte chiese, tra cui vanno citate la Chiesa dei Santi Ranieri e Luigi Gonzaga, la Chiesa di San Giusto a Campo, la Chiesa di Sant’Andrea a Sant’Andrea in Pescaiola, la Pieve di San Marco a Rigoli.
Sono da visitare anche il Museo del Costume ed il Museo multimediale.
Il Parco Regionale “Migliarino, San Rossore, Massaciuccoli” è l’ideale per chi ama stare a contatto con la natura; nei dintorni si trovano anche il Parco Archeologico del Montecastellare e la Valle delle Fonti di Asciano. Nelle vicinanze anche i fiumi Morto Nuovo, il Serchio, l’Arno ed il Lago di Massacciuccoli, per non dire degli splendidi scenari dei Monti Pisani, con le sue pinete di pino marittimo, castagneti, boschi di sclerofille sempreverdi e caducifoglie.
E’ una meta ideale anche per gli sportivi in quanto si possono fare moltissime escursioni sia singole che guidate, sia per i più esperti che per coloro che sono alle prime armi o che sono completamente inesperti, ci sono inoltre aree per il freeclimbing e per il birdwatching.
Si consiglia, inoltre, una tappa a Pisa. Per quanto riguarda l’enogastronomia locale, San Giuliano Terme è estremamente famosa per la presenza della strada dell’olio e del Monte Pisano: un tour meraviglioso per conoscere sia la natura di questi luoghi sia i prodotti tipici locali come ad esempio il pane.
Gastronomia e cucina toscana sono rappresentate dalle produzioni di olio e di altri prodotti tipici (salumi a base di Mucco Pisano, salse prodotte con l´olio della Strada e pinoli del Parco Regionale di Migliarino San Rossore Massaciuccoli, Torta co´ bischeri, …) e dalla locale ristorazione.

Le acque

Le acque che alimentano le Terme di San Giuliano scaturiscono ai piedi del Monte San Giuliano da due sorgenti: Bagni di Levante a 40,5°C e Bagni di Ponente a 38°C, e sono principalmente acque solfate, alcalino-terrose.

Il fango

Il fango si ottiene dalla miscelazione naturale tra l’argilla e le acque termali sorgive, per circa sei mesi. Viene applicato lentamente alla temperatura di 47°C sul corpo provocando una intensa sensazione termica ed un rilassamento muscolare.

Indicazioni terapeutiche

Le indicazioni terapeutiche riguardano malattie otorinolaringoiatriche, delle vie respiratorie, dell’apparato gastroenterico e cardiovascolari. Si curano, inoltre, patologie reumatiche, del sistema muscolare ginecologiche e della locomozione.

Le cure ed i trattamenti

Lo stabilimento propone diversi trattamenti, tra cui:

  • Idromassaggio termale per il trattamento dell’apparato vascolare indicato per i postumi di flebopatia cronica, varici e affezioni a carico del microcircolo
  • Fangoterapia con bagno o doccia termale, per la cura di patologie legate a artriti, artrosi, contratture muscolari, attività post traumatiche
  • Bagni termali a 38°C con effetti decontratturanti a livello muscolare
  • Aerosol e Inalazioni termali, per le forme infiammatorie croniche dell’apparato respiratorio e delle prime vie aeree. Aiutano la decongestione delle mucose e svolgono un’efficace azione antinfiammatoria e sedativa
  • Antro terapia, con bagni di calore in grotta termale a 38°C per il riequilibrio del corpo e della mente, regola la pressione arteriosa, favorisce la sudorazione e l’eliminazione di tossine
Si praticano anche trattamenti estetici, massaggi, linfodrenaggio vodder, fitness, riflessologia plantare, massaggio ayurvedico, riflessologia plantare e massaggio tradizionale cinese tui-na, agopuntura, medicina estetica.

Come raggiungerci

Tags
Leggi tutto
Back to top button