Località termali attiveLombardia

Sirmione (BS) – Terme di Sirmione

La “Perla del Garda”, posizionata su una lingua di terra stretta e lunga, nella sponda lombarda del Lago di Garda, merita l’appellativo per la bellezza del paesaggio che la circonda e per l’armonia delle abitazioni, strade e piazze che dei secoli passati hanno assorbito fascino ed armonia. Le prime testimonianze umane risalgono al secondo millennio a.C., all’età del Bronzo, come si evince dai resti delle capanne costruite su palafitte  da Salò a Garda, già noti dall’800. In particolare, nel basso Garda sono stati rinvenuti tre siti sommersi: nella zona di lago della Maraschina (a Peschiera) nel 1971, in quella di porto Galeazzi (a Sirmione) e di San Francesco (a Desenzano) nel 1976.

Durante l’epoca Romana, a partire dal I° sec. a.C., la parte meridionale del lago di Garda, attraversata dalla Via Gallica (che congiungeva Bergamo con Verona e si congiungeva con la Via Postumia che andava da Genova a Aquileia), venne trasformata come centro residenziale dei patrizi veronesi, fra cui i Valeri a cui apparteneva il poeta Catullo (87-54 a.C.) che celebrò in un canto Sirmione e la locale casa di famiglia. A questa epoca risalgono anche le costruzioni di due ville Romane, oggi note come “Grotte di Catullo” e di altri fabbricati residenziali.

Tra il IV ed il V secolo d.C. la città venne fortificata e venne costruita una muratura di difesa lungo il perimetro della penisola. Durante l’epoca Longobarda, testimoniata dal ritrovamento di una necropoli e dai resti di alcune capanne, vengono fondate un monastero e la chiesa di San Salvatore, mentre con l’arrivo di Carlo Magno la città viene privata della sua autonomia amministrativa.

Durante l’epoca medioevale, nel XIII secolo, il sistema di fortificazione si rafforza con la realizzazione del Castello ad opera veronese, continuando il ruolo difensivo e di controllo fino al XVI secolo, quando viene sostituito da Peschiera. Tuttavia, dopo la fine della dinastia scaligera degli Scala (1387), la città passò prima sotto il dominio milanese e, poi, di quello veneziano che durò dal 1405 al 1797. Successivamente appartenne a Napoleone e agli austriaci, fino a quando (1866) tornò sotto il Re d’Italia.

Visitare Sirmione camminando per le vie del centro, significa percorrere strade strette ed irregolari, di epoca antica, tra edifici di pietra e la vivace vita quotidiana di oggi.

Da non perdere la Rocca Scaligera, risalente al Trecento, con le sue torri e le mura merlate, in epoca medievale era un vero e proprio fortino protetto da un fossato e dotato di una propria darsena (conservata ancora oggi) per la flotta. Si consiglia, inoltre, di visitare le Grotte di Catullo: una grande villa romana edificata nel primo secolo d. C., in cui visse probabilmente il poeta Catullo; la Chiesa di San Pietro, già presente nel periodo Longobardo, con la sua Torre campanaria dell’XI secolo; la quattrocentesca chiesa di Santa Maria Maggiore, con una colonna Romana nel porticato; la Chiesa di Sant’Anna, un tempo parte del Castello, a navata unica, con volta a botte e presbiterio; il settecentesco Palazzo di Maria Callas, dove visse la famosa cantante tra il 1952 ed il 1958 quando era sposata con l’industriale Meneghini.

Per chi ama le passeggiate a Sirmione si consiglia di fare la strada panoramica che inizia di fianco al Castello e costeggia il Lago di Garda, offrendo panorami davvero indimenticabili. Se volete ammirare il panorama dall’alto vi consigliamo di arrivare fino a Tremosine. Dalla famosa Terrazza del Brivido potrete godere di un panorama che vi lascerà letteralmente senza fiato. La si raggiunge facilmente in macchina passando per la Strada della Forra e lo spettacolo vale il viaggio.

Nelle vicinanze è possibile visitare, andando verso il Garda veneto-trentino, Peschiera, Lazise, Bardolino, Torri del Benaco, fino a Riva del Garda, o andando a verso i Garda bresciano , Desenzano, Salò, Gardone Riviera. Una gita in battello sulle acque del Garda può portarvi anche a visitare le isole del lago, tra cui la famosa Isola dei Conigli (abitata solo dagli animali) e l’Isola privata di Garda, con la sua splendida villa gotico-veneziana. Non trascurare, poi, una visita a Brescia e Verona.

La tavola del Garda si caratterizza per il pesce di lago, tra cui si distinguono il carpione, l’alborella, la trota lacustre, il coregone, il luccio. Tra i piatti tipici di Sirmione le alborelle (pesciolini di lago) conservate in salamoia e cotte alla griglia, le tagliatelle con trota e asparagi, il risotto con la tinca, i bigoli con le sarde, la pasta al persico, il carpaccio di trota, la cassata gardesana, il tutto condito con l’olio extravergine del Garda ed accompagnato da buoni vini della Valtellina bresciana, del Bardolino o della Valpolicella veronese.

Le Terme di Sirmione, nate nel 1898, sono composte da due stabilimenti: le Terme Virgilio dotate di un centro specialistico bronco-pneumologico e le Terme Catullo con il centro benessere Aquaria. Le acque, di origine meteorica, nascono dal bacino di impluvio del Monte Baldo a 2200 metri di altitudine e scendono oltre 2100 metri nel sottosuolo, dove si arricchiscono di minerali.

Le acque

L’acqua di Terme di Sirmione unisce i benefici delle acque sulfuree a quelli delle acque salsobromoiodiche. E’ ricca di zolfo, cloruro di sodio, iodio, bromo e di oligoelementi come manganese, selenio e zinco che fanno da catalizzatori.  Sgorgano dalla sorgente Boiola ad una temperatura di 69°C e da qui sono incanalate in due pozzi, Virgilio e Catullo, situati sulla sponda orientale di Sirmione.

Indicazioni terapeutiche

Nel settore della salute gli ambiti d’intervento delle acque riguardano otorinolaringoiatria, broncopneumologia, angiologia, fisiatria, dermatologia clinica ed estetica, ginecologia e uroginecologia, osteopatia, gastroenterologia e nutrizione con altrettanti centri e servizi specializzati. Le acque termali inoltre sono utilizzate per curare malattie cardiovascolari, delle vie respiratorie e sordità rinogena; affezioni dermatologiche e reumatiche.

Le cure ed i trattamenti

Le strutture propongono vari trattamenti, tra cui:

  • Gastroenterologia. Patologie curate: stipsi cronica, Sindrome dell’intestino irritabile con stipsi, Colon irritabile, Disturbi dell’apparato uro-genitale.
  • Nutrizione. Patologie Curate: Sovrappeso, Obesità, Ipertensione, Diabete, Osteoporosi, Ipercolesterolemia.
  • Dermatologia Estetica. Patologie curate: Adiposità localizzate, Cellulite, Invecchiamento cutaneo (macchie e rughe), Capillari, Angiomi, Peli superflui.
  • Dermatologia Clinica. Patologia curate: Dermatite Psoriasi, Acne, Eczema, Dermatite seborroica, Dermatite atopica, Patologie virali della pelle, Iperidrosi (sudorazione eccessiva), Micosi cutanee, Onicomicosi Macchie della pelle, Nei, Vitiligini.
  • Ginecologia e Uroginecologia. Patologie curate: Vaginite, Vulvite, Distrofia vulvare, Cistite, Prolasso genitourinario, Incontinenza urinaria, Disfunzioni del pavimento pelvico, Dolore pelvico cronico, Menopausa, Sterilità di coppia, Malattia infiammatoria pelvica (PID), Sclerosi del connettivo pelvico, Dispaureunia, Aderenze pelviche peritoneali post chirurgiche o infiammatorie, Vaginite cronica aspecifica, Vaginite cronica distrofica, Vaginosi, Cistite acuta, Cistite cronica, Vaginismo, Disfunzioni sessuali, Riabilitazione.
  • Patologie Vascolari. Patologie curate: Flebopatie Croniche, Varici degli arti inferiori, Insufficienza venosa cronica, Esiti di safenectomia macchie, Flebite, Vene varicose, Sindrome post flebitica, Edemi di origine venosa, Teleangectasia, Capillari, Varici in gravidanza, Varici degli sportivi.
  • Broncopneumologia. Patologie curate: Sindrome rinobronchiale, Bronchite cronica, Broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), Bronchite asmatiforme, Bronchiectasie, Apnee Ostruttive del sonno (OSA), Asma bronchiale,
  • Bronchite acuta, Fibrosi polmonare, Dispnea o affanno,Sarcoidosi, Polmonite.
  • Otorinolaringoiatria. Patologie curate: Rinite vasomotoria, rinite allergica, sinusite cronica, faringolaringite cronica, laringite con disfonia adenoidismo, poliposi naso-sinusale, stenosi tubarica, oto-salpingite cronica, otiti croniche, otite media effusiva, sordità rinogena, otite purolenta cronica con colesteatomatosa, otiti medie purolente acute ricorrenti, otite baro traumatica naso gola, rinite acuta ricorrente, rinofaringite cronica, ipertrofia tonsillare, faringo-tonsillite acuta ricorrente, laringite acuta, reflusso gastroesofageo, ipoacusia rinogena.
  • Malattie Reumatiche. Patologie curate: Osteoartrosi ed altre forme degenerative, Artrite, Osteoporosi, Artropia post-traumatica, Artrite gottosa, Cervicalgia cronica, Lombalgia cronica, Periartrite cronica, Reumatismi extra-articolari, Fibromialgia, Fibrositi, Tendiniti, Artrite reumatoide, Artrite psoriasica, Spondilite, Anchilosante,
  • Tenosinoviti, Connettiviti, LES.
  • Osteopatia. Interviene nei disturbi di:
    • sistema muscolo scheletrico: dolori cervicali, dorsali e lombari; dolori vertebrali,articolari, costali, intercostali;
    • dolori da traumi sportivi, dolori da ernia del disco, coccigodinia, tendiniti, artrosi,
    • sistema digestivo: ernia iatale, colite, stipsi
    • sistema genito-urinario: amenorrea, sindrome post partum, dolori mestruali
    • sistema neurologico e neurovegetativo:disturbi del sonno, nevralgie
    • sistema circolatorio: congestioni venose o linfatiche
    • alte vie respiratorie: riniti, sinusiti, otiti, problemi di deglutizione

Le strutture propongono vari trattamenti, tra cui balneoterapia, cure inalatorie, insufflazioni endotubariche, nebulizzazioni, humage, aerosol, irrigazioni nasali, doccia micronizzata, cure per la sordità rinogena. Si praticano, inoltre, fangoterapia, fisioterapia e percorsi vascolari. Bagni, idromassaggi, reparto ginecologico, idrochinesiterapia in piscina termale e rieducazione motoria arricchiscono l’offerta.

Cosmesi

I prodotti di Terme di Sirmione nascono da decenni di esperienza nella cura fisiologica dell’organismo e della pelle, grazie agli effetti benefici dell’acqua termale, sulfurea salsobromoiodica. Con la sua ricchezza di sali minerali e oligoelementi, l’acqua di Sirmione non solo ha proprietà di tipo anticatarrale e fluidificante, ma contribuisce anche alla difesa della cute dai radicali liberi. Per utilizzare al meglio queste sue caratteristiche e permettere a tutti di portare a casa i suoi benefici, Terme di Sirmione propone due linee composte al 100% di acqua termale: una curativa, per il trattamento delle cavità nasali e della gola, e una cosmetica, formulata specificatamente per la salute della pelle. Le formule, dermatologicamente testate, rispettano il PH fisiologico, non contengono parabeni e petrolati e non sono state testate su animali.

Come raggiungerci

Tags
Leggi tutto
Back to top button