Località termali attiveMarche

Genga (AN) – Terme di Frasassi (San Vittore)

Nel cuore del Parco Regionale della Gola della Rossa e di Frasassi si trova Genga, cittadina circondata da fitti boschi posta sulla cima di un colle nell’alta valle dell’Esino.
Racchiusa tra le mura di un castello medievale e famosa per le Grotte di Frasassi, uno dei più importanti complessi ipogei d’Europa. Il maestoso vano d’accesso della grotta di Frasassi ospita l’Eremo di Santa Maria infra Saxa. Nelle immediate vicinanze sorge il Tempietto del Valadier (1828), una struttura fatta erigere da Papa Leone XII, originario di Genga, in forma ottagonale e con blocchi di travertino bianco. In località San Vittore si trova la Chiesa di San Vittore alle Chiuse, un bellissimo edificio romanico a croce greca, con l’annessa Abbazia ora adibita a Museo Speleo Paleontologico e Archeologico. Proprio qui è custodito il fossile di ittiosauro, un rettile di ambiente marino che visse durante l’Era Mesozoica.
Da visitare il Castello di Genga con il suo Museo della Storia con opere di Antonio da Fabriano e, nelle vicinanze, il Castello di Pierosara (già Castel Petroso), con la sua torre civica e la porta di accesso al paese.
Da Genga è possibile visitare Fabriano, città storica e bella, che già dal XIII secolo iniziò la lavorazione della carta. Da visitare il centro storico medioevale con la Piazza del Comune, il Palazzo del Podestà, la Fontana “Sturinalto”, il Palazzo Vescovile e i suoi Musei della carta e della filigrana, il Museo del Pianoforte e del Suono e quello, veramente curioso e da non perdere, degli “antichi mestieri in bicicletta”.

Da non perdere la visita alle Grotte di Frasassi, di origine carsiche, che si trovano all’interno del Parco naturale regionale della Gola della Rossa e di Frasassi (certificato con la Carta Europea del Turismo sostenibile). All’interno lo spettacolo di laghetti, pozzi e sculture naturali (chiamate in modo curioso, come “i giganti, il cammello, il dromedario, l’orsa, la madonnina, la spada di damocle, le cascate del niagara, la fetta di pancetta, la feta di lardo, l’obelisco, le canne d’organo, il castello delle streghe”) formatesi attraverso stratificazioni di calcare nel corso di 190 milioni di anni, grazie all’opera dell’acqua e della roccia.
Questa è terra anche di antiche e buone tradizioni gastronomiche, dalla crescia coi grasselli a quella cotta sotto la brace, dai cavallucci agli strozzapreti, dalla polenta con sugo di cinghiale al ciauscolo, dal famigerato salame di Fabriano a quello morbido di Genga, dai vincisgrassi alle carni di animali da cortile o della razza bovina marchigiana, dai formaggi a tanto altro ancora. I vini di questa area sono molto interessanti, dai verdicchi di Jesi e Matelica fino all’esino doc e alla Lacrima di Morro d’Oro.
In uno splendido scenario verde, tra boschi e montagna, nelle vicinanze delle Grotte di Frasassi e della Abbazia di San Vittore, si trovano le Terme di San Vittore. I reperti archeologici rinvenuti nelle grotte dei dintorni testimoniano che l’utilizzo delle acque sulfuree delle Terme di Frasassi avveniva sin dai tempi dei romani; persino le popolazioni preistoriche insediatesi nella zona ne erano a conoscenza.

Le acque:

Acque minerali naturali sulfuree- sodiche, ipertermale, che sgorga dalla Fonte di San Vittore alla temperatura di 13°.

Il fango

Le proprietà terapeutiche dei fanghi delle Terme di Frasassi nascono dalla loro maturazione nell’acqua sulfurea. Questa, infatti, grazie alle sue componenti, modifica le proprietà chimiche e fisiche del fango determinando la produzione di sostanze farmacologicamente attive.

Le indicazioni terapeutiche

Il suo alto contenuto di zolfo la rende particolarmente adatta per la cura di affezioni delle vie respiratorie (affezioni otoiatriche, dell’apparato respiratorio e della sordità rinogena) e dei reumatismi, ovvero la maggior parte delle affezioni reumo-artropratiche.

Le cure e i trattamenti

Cure inalatorie, attraverso

  • inalazioni solfuree a getto di vapore
  • aerosol sulfureo, sonico e ionico
  • nebulizzazione salsoiodica in ambiente
  • humage solfureo
  • docce nasali
  • docce nasali micronizzate
Cure otorinolaringoiatriche, attraverso irrigazioni nasali e docce micronizzate; politzer; cateterismi endotimpanico; esami tindoscopici a fibre ottiche, esami audiometrici, esami impedenziometrico; lavaggi auricolare.
Cure fangoterapiche, attraverso bagni sulfurei; lutoterapie; massaggi fisioterapici e riabilitativi.
Cure reumatiche, con trattamenti specifici per cervicalgia, lombalgia, branchialgia, rieducazione posturale, trattamenti defaticanti per arti inferiori, ginnastica posturale e vertebrale.
Cure pediatriche, per la prevenzione di malattie.
Massaggi fisioterapici e riabilitativi, massaggi shiatsu, ayurvedico, riflesso plantare.
Trattamenti di estetica termale, quali trattamenti anticellulite, contro acne e pelli grasse, massaggi karitè alle candele cosmetiche, massaggi riequilibrio psico reattivo con quarzo rosa.

Come raggiungerci

Tags
Leggi tutto
Back to top button