BlogLocalità & Strutture

Andare per Terme in Slovenia: Šmarješke Toplice

A cura di Nicola Ucci

La Slovenia è una destinazione ideale per gli amanti della natura e del benessere. Le montagne ai confini con Italia e Austria (a nord) e Croazia (a sud) si alternano a dolci vallate coperte da boschi e pianure coltivate, fino alle saline di Pirano ed alla costa sull’Adriatico, attraversando borghi e città, tra cui la splendida capitale Lubiana.

Una zona di questo piccolo Stato mi ha sempre affascinato, la Dolenjska (Bassa Carniola), a metà strada tra la capitale slovena Lubiana e quella croata Zagabria.

In questa regione troviamo Novo Mesto come città principale, i centri termali di Šmarješke Toplice e Doleniske Toplice, le colline con i vigneti e le “zidaniche” (cottage di vigna) dove si produce lo cviček, il vino per i diabetici a bassa gradazione alcolica e con zucchero vicino allo zero, le chiesette con i campanili alti e appuntiti, le abbazie ed i monasteri, i castelli, tra cui il fantastico Castello di Otocec, situato su un isolotto lungo il fiume KRKA tra boschi e prati, il Monte Trdinov e il Monte Nebesa sopra Šentrupert, dove si trova anche il primo Museo al mondo di fienili a cielo aperto (ce ne sono 19, ognuno diverso dall’altro e con motivazioni legate all’uso agricolo per cui erano utilizzati).

Il fiume KRKA è una presenza costante accanto a chi girovaga nella regione. Le sue verdi acque scorrono lente tra le rive naturali (non esiste cemento….) in mezzo a prati e boschi, alternandosi con piccole cascate e bagnando le sponde di città, borghi  e castelli fino a confluire, alle porte di Zagabria, nel fiume Sava che, a sua volta, finisce il suo percorso confluendo nelle acque del maestoso Danubio.

Tanti piccoli borghi sono diffusi in questo territorio della Bassa Carniola che ha Novo Mesto come capoluogo e dove si alternano agricoltura, servizi, terme e importanti aziende produttive (tra cui la farmaceutica KRKA, la Renault, Adria Camper e aziende artigianali del legno).

Proprio il gruppo farmaceutico KRKA è proprietario, a Šmarješke Toplice, di un grande complesso termale che si aggiunge a quelli, sempre di sua proprietà, a Doleniske Toplice e Otocec (in Dolenjska) e Strugnano, sul mare, poco oltre Trieste.

Le Terme di Šmarješke Toplice sono immerse in un grande parco verde, vicino al piccolo borgo abitato, e sono composte da tre strutture ricettive (Hotel Vitarium 4 stelle superior, Hotel Smarjeta 4 stelle e Hotel Toplice 3 stelle), il Centro benessere “Vitarium SPA & Clinique”, cinque piscine interne ed esterne, tra cui una tutta in legno, realizzata nel Parco già nel XVIII secolo direttamente sulla sorgente termale e ancora in funzione.

Il Parco delle Terme di Šmarješke è affascinante e ti riconcilia con il mondo. Alti alberi secolari, abitati da vari tipi di uccelli e da scoiattoli, ombreggiano il Parco attraversato da un piccolo ruscello pieno di pesci (trote) e con acqua limpida. Una antica leggenda racconta che, quando c’era siccità, gli abitanti del vicinato attingevano l’acqua, fresca e pulita, da questo ruscello, causando la reazione dell’allora proprietario che pose una iscrizione accanto al corso d’acqua “Prinesi Novec, če želiš piti vodo” (Porta una Moneta, se vuoi bere l’acqua). Con il logorio del tempo si è cancellata la parte finale della prima parola (nesi), restando leggibile solo Pri Novec e, da qui, il nome del ruscello che fu chiamato Prinovec.

Lungo uno dei sentieri del Parco ci si imbatte in un laghetto di acqua calda termale dove nasce il fiore di loto indiano, unico esempio in Slovenia, considerando che questa sua presenza è dovuta essenzialmente all’acqua calda in cui nasce (non sopporta il freddo). Lo spettacolo, in primavera ed estate, è garantito: centinaia di fiori rosa spuntano da grandi foglie lucide che emergono dall’acqua sorgiva, aprendo i petali e mostrandosi in tutta la loro bellezza durante il giorno, per poi richiudersi durante la notte, con una alternanza vitale, affascinante e simbolica. Il laghetto di loto indiano a Šmarješke Toplice fornisce rifugio anche a pesci e tartarughe e rappresenta un tesoro naturale di raro fascino e bellezza.

Il Parco contiene anche un’area giochi per i bambini, una grande piscina con giochi d’acqua, idromassaggi, cascate e, accanto, la piscina di legno con acqua calda di sorgente. Su una piccola collina, nel Parco, un’area pic-nic, campi da tennis, un ampio prato verde. C’è anche, collegata con le piscine interne agli Hotel Vitarium e Smarjeta, una piacevole piscina di acqua calda in cui, anche durante l’inverno, molti fanno il bagno con intorno la neve. Nelle altre stagioni, in primavera, il bosco, i prati, i viali del Parco si riempiono dei colori e dei profumi delle piante e dei fiori; in estate la calura afosa non esiste, mentre in autunno, migliaia di sfumature gialle, verdi, rosse, marroni trasformano le foglie e la flora del Parco in uno spettacolo di colori adatto a quanti amano la natura e la fotografia.

Gli Hotel Vitarium e Smarjeta sono di grande qualità e comodità. Camere ampie, luminose, pulite, attrezzate, climatizzate, sono a disposizione dei clienti e dividono, senza alcuna distinzione, i servizi di ristorazione, il centro benessere, le aree ricreative, le attività sportive (Nordic Walking e Mountain Bike innanzitutto, ma anche trekking, canoa, tennis e altro) ed il grande balcone affacciato sul Parco. L’Hotel Vitarium è il più recente tra i due, ma – onestamente – non si scorge una grande differenza con lo Smarjeta se non per i colori dell’arredamento e per un ridotta (ma sempre grande) superficie delle camere.

La ristorazione, in questa realtà, è una cosa seria, a partire dalla prima colazione. Dalla grande vetrata della sala ristorante, con vista sul Parco, è possibile trovare  di tutto per iniziare bene la giornata. Un vasto assortimento di pani (integrali, con semi, tradizionali) si accompagna a marmellate, cereali, frutta, dolci, cornetti, formaggi, salumi, uova, bacon, salsicce, omelette, insalate, succhi di frutta, latte, burro, miele, bevande calde e fredde, frutta secca, semi e tanta altra grazia di Dio, secondo le stagioni e la fantasia dello chef. Così come anche a pranzo e cena, con menù tradizionali – specie di carne e verdure – per i turisti ospiti, mentre per quanti sono sottoposti a periodi di cura si preparano menù dietetici e calibrati personalizzati secondo le esigenze individuali e utilizzando ingredienti naturali di produzione locale, biologici e certificati.

Il Centro “Vitarium SPA & Clinique” è il posto ideale sia per curarsi che per rilassarsi.

La parte medica è incentrata sulle terapie per la riabilitazione post infortunio e per le malattie dell’apparato locomotore, neurologico, cardiovascolare e delle vie respiratorie. Programmi personalizzati, dietro prescrizione medica, vengono portati avanti da una equipe professionale di alto livello e non è raro incontrare anche “pazienti” sloveni famosi, tra cui diversi atleti e sportivi.

Il Centro Benessere “Vitarium”, distribuito su due livelli della struttura, presenta servizi professionali abbinati a conoscenze mediche, con trattamenti di prim’ordine. Programmi benessere medici (SlimFit, Detox, Metabolismo) si accompagnano a massaggi, bagni, programmi di bellezza, bagni nelle piscine, saune (finlandese, romana, alle erbe, infrarossi, a vapore), bagno turco, il pozzo di ghiaccio e la vasca gelata. Per finire, poi, in un ambiente rilassante e con sottofondo musicale accattivante, stesi su un lettino a pensare “questa è vita…” e bere una tisana o un the. Attenzione: nelle saune, i Slovenia (ma non solo) è vietato entrare in costume, per questioni igieniche. Si circola nudi o, per i più timidi, con un asciugamano che viene fornito all’ingresso.

Šmarješke Toplice è facile da raggiungere per chi viene dall’Italia. Una volta raggiunta Lubiana in autostrada si prosegue, sempre in autostrada, in direzione Zagabria e si esce, dopo circa 70 Km. a Kronovo e, dopo 2 Km. ci si trova a Šmarješke Toplice ed alle Terme KRKA.

Nelle vicinanze vi consiglio una visita a Novo Mesto, il capoluogo di regione affascinante e vivace, all’Abbazia di Pleterje con i suoi monaci clausura e i suoi prodotti della terra (miele, vino, grappe, frutta) e al bellissimo Monastero di Kostanjevica con le sue opere d’arte in legno e i suoi musei.

Tags
Leggi tutto
Back to top button