BlogLocalità & Strutture

Andare per Terme in Slovenia: Terme Dobrna

Tra Storia, Natura e Wellness, il piacere delle Terme Dobrna

Dobrna è il più antico centro termale della Slovenia, attivo da oltre 610 anni. Immerso nella natura, un imponente viale di castagni porta alla moderna struttura termale con piacevoli sentieri forestali che solcano il parco energetico, le vecchie terme secolari e le numerose attrazioni dei dintorni.

Le Terme Dobrna sono attive da oltre 600 anni e quindi possono vantarsi di essere il centro termale più antico e ancora in funzione della Slovenia.
Addirittura le scoperte archeologiche hanno provato che Dobrna era già frequentata in epoca preistorica, poi i celti e infine i romani, che, probabilmente, per primi hanno iniziato a sfruttare e beneficiare dell’acqua termale.

Un po’ di storia

Le terme di Dobrna e la sua sorgente calda sono state nominate per la prima volta in un documento scritto nel 1403, anche se il suo sviluppo prende forza all’inizio del XVII secolo.

Le terme nel corso dei secoli cambiarono molti proprietari, ma la loro fama continuò a crescere. Nel 1809 vi vennero curate centinaia di soldati feriti nelle guerre austro-francesi, nel 1810 e nel 1811 vi trascorse un periodo di convalescenza anche Ludovico Bonaparte, fratello dell’imperatore Napoleone I, che si sdebitò facendo livellare e spianare il terreno irregolare circostante.

Nel 1848 le terme vennero acquistate dal conte Ivan Hoyos che fece innalzare l’ala con la nuova splendida sala del centro di salute, la cappella, i bagni per gli stranieri ed i poveri.
A inizio 900 il centro termale godeva di un’ottima fama e ospitava membri della nobiltà, della ricca borghesia, alti funzionari civili, militari ed ecclesiastici. Tra queste va segnata la visita del famoso scrittore tedesco Karl May nel 1907 che durante il suo soggiorno spese una fortuna. Giungevano ospiti da Graz e da altri luoghi della Stiria tedesca, tra cui l’arciduca Rainer d’Asburgo.

Un’acqua termale “miracolosa”

Dal 1542 l’acqua termale di Dobrna viene considerata il mezzo ideale per la cura di malattie ginecologiche, urologiche e reumatiche, nonché di altre patologie e lesioni del sistema motorio. L’acqua termale alcalina con la sua temperatura alla sorgente di 36 °C e il contenuto ideale di calcio, magnesio e carbonato idrogenato rappresenta il principale fattore terapeutico alle Terme Dobrna.

Grazie agli ioni di calcio contenuti, l’acqua termale di Dobrna svolge anche una funzione antiinfiammatoria e antiallergica per diverse patologie del sistema digerente.

Dobrna oggi: benessere e aria pura

Dopo l’ultimo conflitto l’attività termale di Dobrna si è fortemente sviluppata ed è divenuta una meta assai ambita. Per accogliere tutti gli ospiti a partire dagli anni ’80 la struttura si è arricchita di nuove strutture ricettive, una moderna piscina termale, il centro salute, ristoranti, caffè ed altri spazi adibiti al soggiorno.

All’interno del parco, le Terme Secolari rappresentano un piccolo gioiello architettonico, attive fin dal 1624. Oltre al ristorante e a diverse sale, questa casa della salute contiene la sorgente di acqua termale, circondata da una cornice poligonale in pietra e coperta da piastrelle trasparenti che si congiungono in alto a formare un’architettura piramidale di grande suggestione. L’acqua che sgorga è lievemente spumeggiante, incolore, inodore insapore: sale da 1200 metri di profondità e alimenta la piscina termale e le antiche vasche da bagno in marmo.

A soli 300 metri, all’ingresso del complesso termale, ci accoglie il moderno Hotel Vita che riunisce tutti i servizi di wellness, il centro medico, le piscine e l’istituto di bellezza. L’albergo si trova immerso nello splendido parco energetico, base di partenza per numerosi sentieri e piste ciclabili.
Completano l’offerta di Dobrna anche l’elegante Villa Igea, con la sua atmosfera “senza tempo” e l’affaccio diretto sulla foresta, e l’Hotel Park, ideale per chi ama trascorrere in maniera attiva e naturale il proprio tempo libero.

Attorno a Dobrna

Numerose sono le escursioni che si possono compiere nei dintorni di Dobrna: eccone
alcune.

La Cresta del Diavolo
Il sentiero immerso nella natura conduce dall’Hotel Vita verso il torrente Dobrnica. Lungo il percorso la vista si apre sul paesaggio collinare, si possono osservare anche alcuni monumenti storici, come le inquietanti rovine di villa Ružicka, la chiesa di San Nicolò sulla collina, il castello di Dobrnica–Gutenek, dove un tempo sorgeva il più grande birrificio sloveno, nonché la grotta ghiacciata di Ledenica, dove veniva immagazzinata la birra.

La Fattoria dei Cervi
Un’escursione di circa 4 km dalle Terme Dobrna porta alla fattoria Lampercek, con l’ingresso adornato dalla grande porta metallica abbellita con motivi di cervi e galli cedroni.

Qui, su un’area di 12 ettari di terreno recintato (6 di bosco e 6 di prato), pascolano grossi branchi di cervi rossi, daini e mufloni. In fattoria si possono gustare spuntini casalinghi e acquistare carni e salumi di selvaggina.

Miniera di carbone a Velenje
A Velenje, è imperdibile la visita al Museo della Miniera di Carbone che offre un’esposizione permanente della vita di miniera, ma anche un affascinante tour a 150 metri sotto terra. Nella parte sotterranea del museo si scende fino a grande profondità accompagnati dalla guida con l’ascensore della miniera vecchio di 120 anni. La presentazione multimediale è arricchita con effetti sonori e luminosi e rappresenta il difficile lavoro e la vita dei minatori dell’epoca. i visitatori si possono rifocillare con la merenda dei minatori nella mensa che si trova nel punto più profondo della Slovenia.

Natura incontaminata, escursioni all’aria aperta, visita a castelli e fattorie, vecchie miniere e.. tanto altro. Questa è Dobrna, un territorio che sa unire alla tradizionale offerta termale anche tanti altri gioielli da scoprire, per la gioia di chi vorrà soggiornare in questo angolo raccolto della Slovenia.

Tags
Leggi tutto

Potrebbe interessarti anche

Back to top button